Cambiamo il mondo, una pagina alla volta
it Italian
Cambiamo il mondo, una pagina alla volta
it Italian

Gianluca Branco

Sottotitolo: Il ring della vita
disponibile in 10/12 giorni dall’ordine
Editore: Infuga Edizioni
Autore: Davide Cifalà
Lingua: Italiano
Copertina: Flessibile
Pagine: 100
Peso: 100 gr
ISBN: 9791280624055
Dimensioni: 15x 0,9 x21 cm

Svuota
Categoria: Pubblicato
Genere: Biografia

Ho sempre associato la straordinaria storia di Gianluca Branco alle vicende che la vita ci mette davanti.
Gianluca è nato a Civitavecchia, nel Lazio e sale sul ring dal 1995. Ben due volte campione europeo dei pesi Super leggeri e una volta campione dei pesi Welter. Branco deve tanto alla boxe ma anche la boxe deve tanto a lui. Grazie a questa disciplina, Gianluca ha superato i suoi limiti e forse, senza i suoi guantoni, il suo sacco ed il suo amato ring, non sarebbe l’uomo e lo straordinario padre di famiglia che è oggi.
Soprannominato “Silver Horse”, Branco è da esempio e riferimento per molti giovani che
percorrono le vie difGicili del pugilato.
Centosettantacinque centimetri d’altezza, posizione “ortodossa”, ha combattuto cinquantaquattro match, perdendone soltanto quattro. Oggi Gianluca Branco ha cinquantuno anni, una storia di boxe cominciata da bambino con il “Torneo dei primi pugni” Gino ad
arrivare al titolo italiano. Nel 2002 poi l’assurda condanna per estorsione. Indimenticabile il match della rinascita contro Arturo Gatti, in America.
Gianluca Branco, il Re che fu prigioniero, il prigioniero che divenne uomo libero.

La boxe è una questione di movimenti, energia e stamina. La boxe è però anche un modo di vivere. Quando partecipai al mio primo torneo, il "Torneo dei primi pugni" nel quartiere Eur di Roma, lo capii subito.
Mentre sentivo ogni singola parte del mio corpo vibrare, quando ero stanco e i pugni continuavano ad arrivarmi in faccia, con la mente che si imponeva di resistere ancora un po’, l'ho capito. Volevo solo sentirmi vivo, senza guardare a vittorie o sconfitte, che in certi casi non contano.
Io ero vivo.
Non so se questo modo di vivere, questo desiderio, nasca dal luogo in cui sono cresciuto e abito. Un quartiere di Civitavecchia, De Sanctis, dove non c'era (e non c'è) una grande offerta di possibilità, dove ho dovuto imparare alla svelta a farmi rispettare - dote ereditata da papà, uno tosto - e forse dove ho capito che questo è il mio modo di stare al mondo. Per stare al mondo bisogna combattere, ognuno a modo proprio.
Eppure non ho mai voluto annullare la vita del mio avversario. A match finito, anzi, sono riuscito ad empatizzare, immergermi nel suo stato d'animo. Ho sempre pensato che sarei potuto essere al suo posto, essere sconfitto. Sarebbe stata sufficiente appena una virgola e per me il corso degli eventi sarebbe stato un altro. Ma... non è successo, ho vinto io.
Si imparano molte cose, da un incontro come quello.
Avete mai avuto un sogno? Uno di quelli da "inseguire"?
Avete mai fatto un sogno talmente realistico da sembrare vero? E poi, magari, quel sogno è diventato un incubo, un chiodo dentro al vostro cuore?
Gianluca, questa cosa l’ha vissuta per tutta la vita. Quando oggi qualcuno scrive, o dice che il suo difetto è mancare di umiltà, dovrebbe riflettere sul fatto che lui ha sempre dovuto combattere contro due avversari: quello sul ring e quello dentro sé stesso.
Perché non è mai facile convivere con la tristezza e riuscire, comunque, a trasformare i propri punti deboli nei punti di forza migliori.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Gianluca Branco”
Davide Cifalà

Davide Cifalà

Karateka e scrittore siciliano che visse due volte. Davide Cifalà nasce a Catania, il 24 ottobre del 1987. Ko inflitti e subiti, sul Tatami e nella vita. La sua prima pubblicazione risale al 2011, anno in cui pubblica " Libero da ogni limite ", primo capitolo di una miniserie autobiografica che colpirà l' immaginario collettivo, in cui racconterà le sue imprese da artista marziale, una vita difficile, il suo alter ego estremo, che lui ribattezza in “VillainDavid”, fino ad arrivare ad una rinascita al limite dell'impossibile. Nel 2014 pubblica " Sei il mio eroe ", altra autobiografia che tuttavia non è un sequel di “Libero da ogni limite”. Le vittorie, la vita sregolata, fino ad arrivare alla sua seconda vita, vengono narrate anche in “Ritornai a volare”.
Torna su